Levico Terme, TN, Italia

ORIGINI

CULTURA GRATIS
Dal 9 giugno al 1 ottobre 2023
In giornata
ORIGINI

Mostra a cielo aperto Origini di Bruno Lucchi a cura di Molo51

Contributo critico: Fiorenzo Degasperi, Roberta Gubitosi


Levico Terme: Via Regia, Via Dante, Rio Maggiore, Viale V. Emanuele


Visitabile: 9 giugno – 1° ottobre 2023


Inaugurazione: venerdì 9 giugno 2023 ore 10 Piazzetta del Cinema

Info: [email protected]   

tel. 0461 710206

[email protected]

tel. 329 8632738

 

Promotori: Comune di Levico Terme – Monica Moschen Assessore al Commercio, Turismo e Artigianato


Patrocinio: Presidenza della Regione Trentino Alto Adige, Comune di Levico Terme


Con il contributo: Cassa Rurale Alta Valsugana, Ecomuseo sull’Acqua-Chiarentana, Asat Levico Terme

 

Più che una mostra, quella allestita dall’artista Bruno Lucchi nel suo paese d’origine, Levico Terme, è una vera e propria ricerca attraverso le sue maestose opere scultoree nate dalla terra, dal fuoco, dall’acqua e dall’aria. Dodici opere di grandi dimensioni sono collocate in luoghi particolari della cittadina lacustre, permettendo in tal modo agli ospiti e agli amanti dell’arte di intraprendere un percorso alla scoperta del borgo, al cospetto di un dialogo tra opera d’arte e territorio. Le dodici opere che si ergono dalla terra e guardano il cielo e l’infinito, collocate nel centro paese – Via Regia, Via Dante, Via V. Emanuele, rio Maggiore e prospicente alle Terme, preannunciano la grande installazione allestita per la nuova rotatoria predisposta dal Comune all’entrata sud del paese: un lavoro composto da sei elementi e alto quasi quattro metri, con le silhouette di personaggi androgini che richiamano le Origini della vita. E Origini è anche il titolo della mostra, filo d’Arianna per introdurci nel suo mondo artistico.

 

L’esposizione, voluta da Monica Moschen Assessore al Commercio, Turismo e Artigianato del Comune di Levico Terme, mette in mostra le opere, la poetica, la filosofia e lo sguardo sul mondo di un artista, Bruno Lucchi, che ha le proprie radici nel borgo di Levico Terme, dove nascono i suoi lavori. È un felice ritorno nella sua terra con le pregevoli sculture già famose in moltissimi luoghi d’Europa. Opere d’incanto, opere da contemplare e che contemplano, sintesi della madre Gea e degli aliti di Zefiro.

 

Il catalogo, con intervento di Fiorenzo Degasperi, sarà predisposto durante il periodo dell’esposizione per potervi inserire l’effettiva collocazione territoriale delle opere.

“La figura dell'artista Bruno Lucchi, che abbiamo la fortuna di chiamare nostro concittadino, rappresenta un autentico motivo di orgoglio per la nostra comunità.
In un'epoca in cui spesso l'arte è considerata un lusso superfluo, o addirittura qualcosa di inutile, è doveroso riflettere sul suo ruolo essenziale per la nostra vita collettiva. 
L'arte ci offre una forma di espressione e di comunicazione che trascende le barriere culturali e linguistiche, permettendoci di collegarci al nostro patrimonio culturale, ma anche di scoprire nuove possibilità di espressione e nuovi modi di pensare.
Le attività culturali, come mostre d'arte, concerti e spettacoli, non solo arricchiscono il patrimonio culturale locale, ma offrono anche opportunità di socializzazione, di conoscenza e di divertimento per tutti i cittadini e i turisti presenti in paese.
In questo senso le attività culturali assumono un'importanza fondamentale per la promozione del benessere sociale e per la creazione di un ambiente di convivenza armoniosa e di arricchimento reciproco”.


Ti piacciono i nostri eventi? Iscriviti alle nostre migliori uscite.

Inserisci un'email valida

Siamo in continua evoluzione con il nostro Occhi Eventi; se hai domande o suggerimenti, non esitare a contattarci!

Seguici su Facebook, Linkedin, Instagram e Twitter.

Condividi:

Eventi simili

CULTURA

UNGARETTI POETA E SOLDATO

Dal 26 ottobre al 4 maggio 2025
UNGARETTI POETA E SOLDATO
CULTURA

EGITTO. Viaggio verso l’immortalità

Dal 23 ottobre al 6 aprile 2025
EGITTO. Viaggio verso l’immortalità
CULTURA

Il Caffè del Giovedì

05 settembre 2024
Il Caffè del Giovedì